Teatro Curci di Barletta gremito domenica 17 dicembre per l’attesa e sentita Festa degli Auguri del Distretto 2120 del Rotary International (Puglia e Basilicata) che ha visto coinvolti i 55 club del Distretto per un “Natale di Solidarietà”.

Una serata fortemente voluta da Gianni Lanzillotti, Governatore del Distretto 2120 del Rotary International e realizzata in collaborazione con il Rotary Club di Barletta, presieduto da Nardo Storelli. Questo evento ha voluto rappresentare una occasione di incontro tra amici non solo per condividere una riflessione sul Natale come momento fondante della nostra stessa umanita’ , ma anche per parlare concretamente dei progetti di solidarietà in corso e da realizzare .

Una serata importante e particolarissima, una “prima” vera e propria, nel senso di un nuovo modo di scambiarsi gli auguri non solo con i soci del club o degli altri club del raggruppamento, ma con tutti i club del Distretto 2120 e con la partecipazione delle autorità civili, rotariane e dei soci tutti.

La serata ha avuto inizio con i saluti del Segretario Distrettuale Mauro Magliozzi. A seguire l’ intervento del Presidente del Club di Barletta Donato Storelli, che ha fatto gli onori di casa e del suo Club, un club fortemente motivato a dare il meglio di se stesso e dei propri Soci a favore della realtà territoriale. Un esempio è proprio quello di stasera. Il Presidente ha rivolto un sentito ringraziamento a tutti i soci che hanno acquistato i biglietti: la parte destinata al Club di Barletta sarà utilizzata per il PROGETTO ALZHEIMER , una importante iniziativa , con la quale viene offerto a titolo completamente gratuito un programma di interventi a favore delle persone affette da Alzheimer presso il CENTRO ASCOLTO ALZHEIMER DEL CLUB DI BARLETTA. Presente sul palco la psicologa referente del progetto Rossella Capasso, che a nome personale e delle sue colleghe esplica le finalità del progetto attraverso il quale anche quest’anno si continuerà ad organizzare attività personalizzate e calibrate sulle abilità cognitivo-comportamentali residue di ciascun paziente, creando un luogo di incontro informale e fautore di benessere psicofisico. Il tutto con modalità di intervento altamente qualificate e secondo protocolli certificati, per migliorare la qualità della vita non solo del malato ma anche dei familiari che lo assistono, i quali saranno appunto parallelamente seguiti dal punto d’ascolto.

La parola quindi passa al Governatore Gianni Lanzillotti, che a nome personale e di sua moglie Gianna, ha rinnovato l’impegno ad elevare il senso reciproco dell’amicizia, a trovare gioia e arricchimento nello stare insieme per trasferire all’esterno i principi dell’etica rotariana. Anche il Governatore ha rivolto un sentitissimo ringraziamento a tutti i soci che hanno acquistato i biglietti : il teatro gremito ne è prova. Ha espresso inoltre grande apprezzamento per il Progetto Alzheimer del Club di Barletta, che è al suo terzo anno di realizzazione e che si avvale di personale altamente qualificato per assistere gratuitamente i pazienti ed i loro familiari.

Ha quindi inizio il concerto. Un acclamatissimo meadly è stato eseguito dall’orchestra SONORA JUNIOR SAX, prima orchestra italiana selezionata all’International Youth Music Festival di Vienna 2016 e composta da 80 giovanissimi sassofonisti, tra gli 9 e i 23 anni, due percussionisti e da un gruppo di giovani tutor docenti, che hanno offerto gratuitamente la loro prestazione artistica con un coinvolgente ed applaudito repertorio che ha spaziato dai brani più classici al repertorio pop, eseguiti brillantemente.

Al termine del concerto, il Governatore ha invitato sul palco il socio del Club di Barletta Michele Doronzo per conferirgli la “Paul Harris”, importante onoreficenza del Rotary International, nonché esprimergli l’ apprezzamento del Distretto 2120 per suo spirito di abnegazione e dedizione, considerato che, grazie alla sua generosità, si è potuto organizzare parallelamente , nella stessa giornata del concerto, il pranzo di solidarietà presso un ristorante locale per 120 persone bisognose segnalate dalle parrocchie, invitate poi a seguire il concerto in teatro.

In conclusione, i saluti finali del Governatore con il suo personale augurio di serene festività e di un “Buon Rotary a tutti”, cioè che la passione e la consapevolezza ci permettano di vivere il Rotary seguendo il motto di Papa Francesco: ” Chi non vive per servire non serve per vivere”.