ITINERARI DI COMPARAZIONE EDUCATIVA

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

Primo Il Rotary Club di Barletta, presieduto da Carmine Faggella, alla presenza di una platea interessata e partecipe, ad avere l’onore della presentazione di “ITINERARI DI RICERCA DELLA COMPARAZIONE EDUCATIVA”, ultimo libro del Prof. Luca Gallo, Ordinario di Storia della Pedagogia e di Educazione Comparata presso l’Università degli Studi “Aldo Moro“ di Bari – Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia e Comunicazione, nonchè  Governatore Rotary 2016-17 del Distretto 2120.

Presenti l’assistente del Governatore Sabino Montenero e la Presidente del Rotaract Valeria Ros, che in questa serata ha ufficializzato l’ingresso di una nuova socia, la giovane e brillante  Melania Riefolo, entrata a far parte del Rotaract con la spillettatura ufficiale, in presenza del socio delegato Rotaract GaetanoLattanzio.
La parola quindi è passata al relatore, che dopo aver espresso la sua soddisfazione per la presenza di numerosi giovani in sala, ha subito focalizzato l’attenzione sul tema del Confronto-Comparazione, oggetto della sua ricerca scientifica.
Le esigenze poste dai crescenti e rapidi cambiamenti socio-economici, politici e culturali in atto nella realtà locale e mondiale e le peculiarità di una situazione connotata da sempre più fitti e continui rapporti internazionali e interculturali sollecitano e sostengono oggi l’opportunità e la legittimità di una maggiore presenza della comparazione nell’ambito degli studi sull’educazione. I confronti sono ormai diventati sistematici: attivare, analizzare e approfondire diversità e differenze, ma anche affinità culturali e possibili legami con altre pratiche e modelli educativi, rappresenta una grande risorsa, della cui problematicità si fa carico l’Educazione comparata, ritenuta parte essenziale e imprescindibile degli studi storico-pedagogici.

Quindi, focus sullo spazio europeo dell’educazione e della formazione, e sull’importanza del Lifelong Learning, l’apprendimento permanente, in tutti i suoi aspetti.
Conclude affermando che il Rotary tradizionalmente si è sempre impegnato per spiegare l’importanza della UE e cosa si può fare per migliorare le istituzioni comunitarie. A tal proposito ricorda che in occasione dei 114 anni della nascita del Rotary si è tenuto a Roma il  Forum” Rotary4europe”, per il lancio del “ Manifesto dei Rotariani”.