La Fondazione Rotary del Rotary International venne istituita nel 1917 al Congresso di Atlanta per volere di Arch Klumph, sesto Presidente del R.I., come fondo da utilizzare per il progresso dell’umanità.

Nel 1928, al Congresso di Minneapolis, questo fondo ebbe il suo riconoscimento legale, fu dotato di un Consiglio di Amministrazione, entrò a far parte dello statuto e del regolamento del Rotary International e prese il nome di Rotary Foundation. Nel 1931 fu regolamentata come ente fiduciario e, nel 1983, venne costituita in società senza fini di lucro in conformità alle leggi dello Stato dell’Illinois (USA).

L’obbiettivo della Fondazione Rotary è di promuovere la comprensione e l’amicizia fra i popoli di differenti nazioni per mezzo di concrete ed efficaci iniziative di natura filantropica, assistenziale, educativa o, comunque, di carattere benefico.
Compito essenziale della Fondazione Rotary è di appoggiare l’attività di servizio svolta dal Rotary International in vista della pace e della comprensione mondiale attraverso programmi internazionali in campo assistenziale, culturale e educativo.

Il Consiglio Centrale del R.I. e gli amministratori della F.R. hanno approvato, quali tangibili ed efficaci mezzi per favorire la realizzazione degli scopi della Fondazione, i seguenti programmi:

  • Borse di studio degli Ambasciatori del Rotary;
  • Sovvenzioni per Docenti Universitari per Corsi in Paesi in via di sviluppo;
  • Scambio dei Gruppi di Studio;
  • Sovvenzioni Paritarie per Progetti Umanitari Internazionali;
  • Sovvenzioni per Soccorsi d’urgenza;
  • Sovvenzioni per il Programma 3-H;
  • Sovvenzioni per i Volontari del Rotary;
  • Sovvenzioni per la Ricerca “Carl P. Miller”;
  • Programmi per la Pace;
  • PolioPlus.

Il Consiglio Centrale del R.I. e gli Amministratori della F.R. hanno stabilito che, ogni anno, il mese di novembre venga festeggiato quale il “Mese della Fondazione Rotary”, cioè un periodo durante il quale i club sono invitati ad accentrare almeno uno dei loro programmi settimanali sulla Fondazione.

Borse di studio degli Ambasciatori del Rotary

Lo scopo delle varie borse di studio della Fondazione Rotary è quello di favorire la comprensione reciproca e i rapporti amichevoli fra abitanti di differenti nazioni, dando ad essi la possibilità di perfezionare i loro studi in istituti situati al di fuori del loro Paese. Da ogni borsista ci si attende che si comporti come “un ambasciatore” o “un’ambasciatrice d’amicizia”, avendo la possibilità, durante l’anno di studi all’estero e successivamente al suo rientro in patria di contribuire ad una migliore comprensione fra gli abitanti del proprio Paese e quelli del Paese visitato.

Torna all’indice dei programmi della Fondazione Rotary

Sovvenzioni per Docenti Universitari per Corsi in Paesi in via di sviluppo

Le Sovvenzioni per i Docenti Universitari intendono appoggiare un particolare tipo di attività volontaria. Esse vengono infatti concesse a insegnanti altamente qualificati e disposti a tenere dei corsi in università di Paesi a basso reddito, così definiti in base al loro prodotto nazionale lordo.

Torna all’indice dei programmi della Fondazione Rotary

Scambio dei Gruppi di Studio

Lo Scambio dei Gruppi di Studio è un programma di carattere culturale avente i seguenti scopi:

  • Offrire a persone impegnate nei vari settori della vita economica e professionale e dotate di eminenti qualità l’occasione di studiare un altro Paese, i suoi abitanti e le sue istituzioni, attraverso la partecipazione ad un programma di studi e di incontri di discussione organizzato dal Paese in questione.
  • Promuovere la comprensione internazionale consentendo a persone di buona volontà d’incontrarsi, di parlare e vivere insieme, così da poter conoscere i problemi gli uni degli altri, in modo che da tali contatti personali possano svilupparsi amicizie durature.
  • Impegnare i Rotariani in progetti d’Azione Internazionale finalizzati, pratici e significativi, organizzando programmi formativi a favore dei giovani che fanno parte dei gruppi di studio e offrendo loro ospitalità.

Torna all’indice dei programmi della Fondazione Rotary

Sovvenzioni Paritarie per Progetti Umanitari Internazionali

Lo scopo di queste sovvenzioni paritarie è quello di aiutare i distretti e i Rotary club ad attuare progetti umanitari d’Azione di Pubblico Interesse Mondiale (APIM). Tali progetti umanitari vengono svolti in cooperazione con Rotariani di un altro Paese e sono quindi un mezzo idoneo a promuovere gli obbiettivi della Fondazione Rotary. Essi forniscono un aiuto umanitario a persone che vivono in ristrettezze economiche, dando loro un’assistenza non altrimenti ottenibile attraverso le istanze locali o altre fonti e vanno a vantaggio di tutta una comunità, nel suo insieme.

Torna all’indice dei programmi della Fondazione Rotary

Sovvenzioni per Soccorsi d’urgenza

La Fondazione Rotary distribuirà – nel quadro delle Sovvenzioni Paritarie per Progetti Umanitari Internazionali – delle piccole Sovvenzioni per Soccorsi d’Emergenza per un importo massimo di 5.000 $US, riconoscendo che una tale somma intende essere, per prima cosa, un’espressione concreta di sollecitudine e non sopperire in misura rilevante alle necessità causate da una qualsiasi calamità. Esse verranno concesse dal Presidente del R.I. in risposta a richieste di soccorsi in caso di disastro naturale rivolte al R.I. da parte dei rispettivi governatori. Queste sovvenzioni sono distribuite in aggiunta agli aiuti finanziari che possano venire offerti dai Rotariani d’ogni parte del mondo.

Torna all’indice dei programmi della Fondazione Rotary

Sovvenzioni per il Programma 3-H

Nell’anno rotariano 1977-78 il Consiglio Centrale del R.I. ha varato il Programma delle Sovvenzioni 3-H (dalle iniziali delle tre parole: Health, salute; Hunger, fame; Humanity, umanità) e nel 1982-83 ne ha affidato agli Amministratori della Fondazione Rotary l’intera gestione.

Il Programma 3-H ha lo scopo di migliorare le condizioni di salute, combattere la fame e favorire il progresso umano e sociale quali mezzi per favorire lo spirito d’amicizia e di comprensione reciproca in campo internazionale.
Tali obbiettivi vengono perseguiti per mezzo di progetti di grande portata, che vanno al di là delle risorse finanziarie e umane di un singolo club o distretto.

Torna all’indice dei programmi della Fondazione Rotary

Sovvenzioni per i Volontari del Rotary

I Rotariani, gli ex borsisti della Fondazione Rotary e i Rotaractor iscritti al Programma dei Volontari del Rotary, che abbiano individuato una sede adatta per svolgervi un progetto di servizio in un Paese diverso dal loro e che siano disposti a recarsi all’estero per fornire la loro assistenza, per un periodo da 4 a 8 settimane, possono essere eletti a ricevere una Sovvenzione per i Volontari del Rotary.

Torna all’indice dei programmi della Fondazione Rotary

Sovvenzioni per la Ricerca “Carl P. Miller”

Queste sovvenzioni – intitolate all’ex Presidente del R.I., Carl P. Miller – servono a promuovere progetti d’Azione Internazionale che potrebbero trasformarsi in importanti imprese svolte in comune da club o distretti di più di 2 Paesi. In particolare, esse aiutano a finanziare i costi di viaggio e le spese connesse per soggiorni di studio necessari per valutare la fattibilità di un progetto del genere.

Torna all’indice dei programmi della Fondazione Rotary

Programmi per la Pace

Il Programma del Rotary per la Pace è stato istituito al fine di far conoscere al pubblico in generale, a coloro che hanno un influsso sull’opinione pubblica e sulle linee di condotta da seguire nelle relazioni internazionali, come pure ai Rotariani stessi – utilizzando le vaste risorse insite nei programmi e nel sodalizio mondiale del Rotary – i problemi che possano essere causa di attriti fra le nazioni e le soluzioni o le attività che si potrebbero proporre per risolvere suddetti problemi e, in tal modo, promuovere e salvaguardare la pace.

I Programmi per la Pace consistono in una vasta gamma di attività, fra cui:

  • conferenze o simposi, aperti ad un pubblico internazionale, da tenersi in varie parti del mondo al fine di prendere in esame le relazioni internazionali e le possibili soluzioni di eventuali conflitti, con un particolare accento sulle particolari possibilità che hanno il Rotary e i suoi membri di dare un efficace contributo;
  • la pubblicazione e la distribuzione di materiale informativo ai club locali e al pubblico in generale sui temi della comprensione internazionale;
  • lo studio dei mezzi più idonei per dare maggiore risalto al tema della pace negli attuali programmi del Rotary.

Torna all’indice dei programmi della Fondazione Rotary

PolioPlus

Nel 1986 il Rotary International ha lanciato la Campagna “Polio 2005″ allo scopo di sradicare la poliomielite dal mondo entro l’anno 2005, centesimo anniversario della costituzione del Rotary.

Nel maggio 1988 l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha accettato il progetto del Rotary, modificandolo in “PolioPlus 2000″. “PolioPlus” perchè la vaccinazione, da assicurare a tutti i bambini del mondo, non è solo contro la poliomielite ma anche contro altre malattie infantili e precisamente morbillo, difterite, pertosse, tetano e tubercolosi; “2000″ quale anno traguardo per estirpare la polio dal pianeta terra.

Nella lotta contro la poliomielite, al Rotary International, oltre l’Organizzazione Mondiale della Sanità, si sono affiancati l’UNICEF, Governi donatori, Enti non governativi, Istituti specializzati, migliaia di volontari.

Il Rotary International si è assunto l’impegno di:

  • fornire tutto il vaccino antipolio necessario;
  • mobilitare i Rotariani dei Paesi dove devono essere organizzate le Giornate di Vaccinazione Nazionale (NID) per la sensibilizzazione delle popolazioni locali;
  • mettere a disposizione migliaia di Rotariani per le vaccinazioni.

Attualmente la maggior parte dei bambini di tutto il mondo sono già immunizzati contro la terribile paralisi infantile. Se il programma avrà successo, la poliomielite potrà essere la seconda grande malattia infantile ad essere eliminata dalla faccia della terra dopo il vaiolo, che è stato dichiarato eliminato nel 1979.