14358793_1120694654685026_8167473901711885565_nGiovedì 22 settembre presso il Brigantino 2: ‘Oltre i confini’ reportage dell’operazione S.O.S PROFUGHI, un incontro aperto a tutta la cittadinanza, fortemente voluto dal Rotary Club di Barletta, trattando da varie angolazioni la tragedia della Siria.

I lavori sono stati aperti e coordinati da Sabino Montenero Presidente del Rotary Club di Barletta e ha visto come protagonisti Badr Fakhouri e Mary Tuosto, che hanno presentato il report della prima fase del progetto, al fine di programmare nuove possibilità di intervento.
Presenti in sala il Sindaco Pasquale Cascella, il Consigliere regionale Ruggiero Mennea, l’assessore ai Servizi Sociali Marcello Lanotte, la dirigente dei Servizi Sociali Santa Scommegna e l’assistente dei Servizi Sociali Stefania Damato, oltre alle autorità rotariane, i soci ed un folto pubblico fortemente coinvolto ed emozionato.

La Siria, culla della civiltà di Oriente, è diventata barbaramente terra di conquista per meri interessi economici: la sola Aleppo su circa 6 milioni di abitanti ne conta la metà di profughi ‘oltre i confini’ e 1 milione di marea umana che si sposta sistematicamente nel tentativo di sfuggire ai raid aerei e bombardamenti vari (compresi quelli effettuati con armi chimiche).
Il più grande esodo mai registrato: Badr Fakhouri con l’aiuto delle slides commenta l’attuale drammatica situazione.

La parola quindi a Mary Tuosto, che ci fa rivivere in un toccante filmato il viaggio avvenuto nel mese di luglio di una delegazione ‘SOS PROFUGHI’ in Turchia, sulla linea di confine proprio con la Siria, per consegnare materialmente il primo convoglio di aiuti umanitari frutto di una raccolta iniziata l’8 marzo u.s., grazie anche all’aiuto di generosi imprenditori barlettani rotariani del club di Barletta.
Il Presidente del Rotary Club di Barletta Sabino Montenero, ad ultimazione lavori, ha ringraziato calorosamente i relatori del contributo eccezionale ed autentico fornito a documentazione della tragica situazione della Siria, del suo popolo, dei suoi bambini, e soprattutto ha rinnovato a tutta la platea la promessa di ripartire tutti insieme nuovamente per fare ancora di più.